Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Rubrica : Diritto commerciale e tributario

L’ imposta di registro si caratterizza per il fatto di essere una “imposta d’ atto” che deriva dall’ esistenza di determinati atti giuridici, i quali devono o possono essere oggetto di registrazione.

Il DPR n. 131 del 26 aprile 1986 definisce l’ ambito oggettivo di applicazione dell’ imposta di (...)

Rubrica : Diritto commerciale e tributario

Con la circolare n. 6/E dell’ 11 marzo 2014, l’Agenzia delle Entrate, torna a fornire chiarimenti sulla nuova procedura di accertamento sintetico da redditometro, disciplinato dall’art. 38, comma 4 e ss. del DPR 600/73.

L’obiettivo sotteso alla divulgazione della circolare è palesemente svelato (...)

Rubrica : Diritto commerciale e tributario

La disciplina dei termini di accertamento in presenza di fattispecie che hanno rilevanza penale si avvia verso una regolamentazione ed una razionalizzazione nell’ambito della legge delega fiscale pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale e che entrerà in vigore il prossimo 27 marzo 2014. Infatti, (...)

Rubrica : Convegni e seminari

Questa settimana si terra’ e-privacy 2014,

4 e 5 aprile a Firenze, Palazzo Vecchio.

Particolari, orario ed abstract degli interventi sul sito

http://e-privacy.winstonsmith.org/

Rubrica : News

Sono entrati in vigore dal 3 aprile i nuovi parametri forensi.

Il decreto 10 marzo 2014, n. 55 del Ministero della Giustizia ( “Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense”) è stato, infatti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (...)

Rubrica : News

Il Presidente dell’Associazione Culturale “Camera Europea di Giustizia” in conformità con quanto stabilito dallo Statuto dell’Associazione ed in linea con gli scopi scientifici di quest’ultima delibera per l’anno 2014, il concorso a n. 2 borse di studio inerenti al progetto culturale “Premio (...)

Rubrica : Processo Telematico

L’Agenzia per l’Italia Digitale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato il documento Firme multiple e campi di testo per chiarire alcuni aspetti generali sui formati di firma CAdES (file con estensione .p7m) e PAdES (file con estensione .pdf) e la loro attitudine a ospitare (...)

Rubrica : Nuove tecnologie

In a three-part series on conducting workplace investigations, Lorene Schaefer, a mediator, workplace investigator, attorney and managing partner of Win-Win Resolve, a boutique law firm focused on dispute resolution, will outline the steps for conducting and presenting workplace investigations (...)

Rubrica : Nuove tecnologie

Da ormai tre giorni per gli addetti ai lavori e da poche ore per i comuni mortali, “Heartbleed” è lo spettrale identificativo di un bug informatico, ovvero una micidiale vulnerabilità dei sistemi computerizzati che su Internet offrono importanti servizi ad una sterminata platea di (...)

Rubrica : Diritto commerciale e tributario

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 4 aprile 2014, il decreto interministeriale che include Lecce tra le zone franche urbane insieme ad altri 10 comuni pugliesi (Andria, Barletta, Foggia, Lucera, Manduria, Manfredonia, Molfetta, San Severo, Santeramo in colle e Taranto).

Il Decreto (...)

Rubrica : Diritto commerciale e tributario

Dal prossimo 1° maggio interessi di mora più leggeri per le somme versate in ritardo a seguito della notifica di una cartella di pagamento.

La riduzione è diretta conseguenza del provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 10 aprile 2014, prot. n. 51685/2014, con il quale è stata (...)

















Dal prossimo 1° maggio interessi di mora più leggeri per le somme versate in ritardo a seguito della notifica di una cartella di pagamento.
La riduzione è diretta conseguenza del provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 10 aprile 2014, prot. n. 51685/2014, con il quale è stata fissata la nuova misura degli interessi moratori.
Dal 1° maggio 2014, pertanto, l’interesse di mora per ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo scenderà dello 0,0833 per cento, passando dall’attuale 5,2233 per cento al 5,14 per cento.
Il provvedimento è stato emanato in attuazione di quanto disposto dall’articolo 30 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602 che prevede che, “decorsi inutilmente sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento, sulle somme iscritte a ruolo, escluse le sanzioni pecuniarie tributarie e gli interessi, si applicano, a partire dalla data della notifica della cartella e fino alla data del pagamento, gli interessi di mora al tasso determinato annualmente con decreto del Ministero delle finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi”.
L’applicazione.
Trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella, gli interessi di mora sono applicati dall’agente della riscossione sulle somme iscritte a ruolo, escluse sanzioni pecuniarie tributarie e interessi, dal giorno della notifica della cartella e fino alla data del pagamento.
Pertanto, qualora un contribuente non paghi il suo debito entro il termine di 60 giorni dal giorno della notifica della cartella, al momento del pagamento sarà tenuto anche al versamento degli interessi di mora, che a decorrere dal 1° maggio prossimo saranno calcolati secondo il tasso del 5,14% solo sulle imposte iscritte a ruolo (e non sulle sanzioni e sugli altri interessi applicati) per ogni giorno di ritardo, da quando ha ricevuto l’atto e fino al giorno del pagamento, secondo la seguente formula.
Tali interessi sono dovuti anche qualora il contribuente proponga istanza di rateazione a Equitalia dopo sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento. In tal caso, vanno calcolati dalla data di notifica della cartella e fino al giorno di presentazione dell’istanza.
Gli interessi di mora sono, inoltre, dovuti anche in caso di pagamento tardivo delle maggiori imposte richieste con l’accertamento esecutivo, sempre dal giorno della notifica dell’atto e fino alla data del pagamento (o al giorno di presentazione dell’istanza di dilazione, se presentata dopo il termine di 60 giorni).
Gli interessi di mora non vanno tuttavia confusi con le altre tipologie di interessi:
quelli da ritardata iscrizione a ruolo;
quelli per dilazione di pagamento.
I primi trovano giustificazione nel fatto che le imposte dovute entrano nelle casse dell’Erario con ritardo rispetto a quando avrebbero dovuto essere incassate. Pertanto, sono applicati – secondo il tasso stabilito in base a decreti ministeriali – sulle imposte dovute in base a liquidazioni delle dichiarazioni o ad accertamenti d’ufficio, a decorrere dal giorno successivo a quello in cui sarebbe dovuto avvenire il pagamento e fino alla data della consegna del ruolo all’agente della riscossione.
Gli interessi da dilazione, invece, sono quelli dovuti in caso di rateazione del debito iscritto a ruolo e applicati sulle singole rate, secondo un tasso annuo fissato da un decreto ministeriale.

Le ultime quattro variazioni degli interessi di mora.
Dal 1° maggio 2014
5,14%

Dal 1° maggio 2013
al 30 aprile 2014

5,2233%
Dal 1° ottobre 2012 al 30 aprile 2013

4,5504%

Dal 1° ottobre 2011
al 30 settembre 2012
5,0243%

Agenzia delle Entrate, Provvedimento 10 aprile 2014, n. 51685.
Fissazione della misura degli interessi di mora per ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo ai sensi dell’articolo 30 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602
IL DIRETTORE DELL’AGENZIA
In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento
DISPONE
1. Determinazione interessi di mora per ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo.
1.1 A decorrere dal 1° maggio 2014, gli interessi di mora per ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo sono determinati nella misura del 5,14% in ragione annuale.
1.2 Il presente provvedimento è pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1, comma 361, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.
Motivazioni
L’articolo 30 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 prevede che, decorsi sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento, sulle somme iscritte a ruolo, escluse le sanzioni pecuniarie tributarie e gli interessi, si applicano, a partire dalla data della notifica della cartella e fino alla data del pagamento, gli interessi di mora al tasso determinato annualmente con decreto del Ministero delle finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi.
In attuazione della richiamata disposizione, con provvedimento del 4 marzo 2013, la misura del tasso di interesse da applicare nelle ipotesi di ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo è stata fissata al 5,2233 per cento in ragione annuale.
Considerato che, come detto, l’art. 30 prevede una determinazione annuale del tasso di interesse in questione, è stata interessata la Banca d’Italia che, con nota del 4 marzo 2014, ha stimato al 5,14% la media dei tassi bancari attivi con riferimento al periodo 1.1.2013- 31.12.2013.
Il presente provvedimento fissa, dunque, con effetto dal 1° maggio 2014, al 5,14 per cento in ragione annuale, la misura del tasso di interesse da applicare nelle ipotesi di ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo, di cui all’articolo 30 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602.
Riferimenti normativi
a)Attribuzioni del Direttore dell’Agenzia delle Entrate
Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (art. 67, comma 1, art. 68, comma 1)
Statuto dell’Agenzia delle Entrate (art. 5, comma 1)
b)Disciplina degli interessi di mora
Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 (art. 30)
Provvedimento Direttoriale 4 marzo 2013
c)Disposizioni relative all’individuazione della competenza ad adottare gli atti della
pubblica amministrazione
Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (artt. 4, 14 e 16)
Roma, 10 aprile 2014
Attilio Befera


AFAP Formazione e crediti formativi


Corsi di formazione per Avvocati


Corsi per la sicurezza sul lavoro


Analisi Mutui e usura bancaria

Identificazione Identificazione

Attualità

Alcune foto
a caso

Ultimi commenti

Guida in stato d’ebbrezza alcoolica
La competenza per questo reato appartiene al Tribunale in composizione monocratica. Nella (...)

Giustizia : CdM approva ddl Mastella , penalisti proclamano astensione
Una precisazione nel DLL Mastella ci sono molteplici interventi di stampo inquisitorio sul cpp (...)

Giustizia : penalisti ribadiscono critiche a riforme Mastella
Ovviamente non posso che convenire con quanto denunciato dalle Camere Penali, altresì la (...)

evento a venire

Non di evento a venire

Sul web

                                                         
Dal 1 Aprile 2009 l’intero patrimonio legislativo
Software per gli avvocati italiani, gestionale
Portale giuridico, servizi per l’avvocato, (...)
I propri diritti di fronte all’avvocato (...)
Richiesta Visure catastali on line. Visure su (...)

Statistiche del sito

  • Numero totale di visite:
    1384862 visitatori
  • Numero di pagine visitate:
    1900313 pagine
  • Media da 365 giorni :
    252 visite per giorno
  • Giorno più importante
    il 09-02-2012
    con 2302 visitatori
  • Oggi :
    273 visitatori
  • Attualmente online:
    3 visitatori
  • Questo sito contiene : 183 Autori 21 rubriche 1749 articoli 3 commenti 37 parole chiavi 57 siti inseriti
  • Ultimo articolo pubblicato :
    "Interessi di mora in calo dal 1° maggio 2014."
    il 17 aprile 2014


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.77.30